"La Nube Interstellare Locale" di Federico Bellini



Il Sistema Solare, secondo alcuni studi scientifici, sta attualmente passando attraverso una nube interstellare che secondo alcuni ricercatori non dovrebbe nemmeno esistere. Nel numero di Nature del 24 dicembre 2009, un team di scienziati rivelò la soluzione di un mistero da parte della sonda Voyager della NASA, dove era stato scoperto un forte campo magnetico esterno al nostro Sistema, un magnetismo molto potente e che tiene insieme l’intera nube interstellare. Questa nube viene chiamata dagli astronomi “Local Fluff”, in quanto abbreviazione di “Local Interstellar Cloud”, è larga circa 30 anni luce e contiene un misto di atomi di idrogeno ed elio alla temperatura di circa 6000°C.
Si presume che all’incirca 10 milioni di anni fa, una supernova sia esplosa nelle vicinanze creando una gigantesca bolla di gas a milioni di gradi di temperatura, in quanto la nube è ancora oggi circondata da questo caldo involucro. Questa nube, però, è ancora oggi tenuta a bada al di là dei confini del Sistema Solare dal campo magnetico del Sole, che viene gonfiato dal vento solare in una bolla magnetica di oltre 10 miliardi di chilometri di larghezza, nota come eliosfera. Questa immensa bolla agisce come uno scudo protettivo nei confronti del Sistema Solare interno, sia dai raggi cosmici che dalle nubi interstellari, e se il vento solare soffia nella bolla dall’interno verso l’esterno, la Local Fluff cerca di comprimerla dall’esterno verso l’interno.
Si pensa, inoltre, che al di là di questa nube, essendo così magnetizzata, anche le altre nelle vicinanze possano esserlo, ed eventualmente il Sistema Solare potrebbe andare a finire in qualcuna di esse, dove i campi magnetici potrebbero comprimere l’eliosfera più di quanto stia facendo la nube locale. Tale compressione maggiore consentirebbe ai raggi cosmici di raggiungere l’interno del nostro Sistema Solare, portando serie conseguenze sia sul clima della Terra che sulla vivibilità nello Spazio circostante, tutti eventi che comunque potrebbero verificarsi tra centinaia di migliaia di anni, il tempo necessario al Sole di poter raggiungere queste altre zone.

*
"Il Cammino del Viandante" di Federico Bellini
Parte II - Antropogenesi / Approfondimento


Ti consigliamo di leggere...

"Franco Battiato: mi sono Reincarnato e ricordo le mie Vite Passate"

"Amare gli Animali prima ancora degli Umani?" di Federico Bellini

Franco Battiato: "Le Meccaniche Celesti le ho incontrate davvero!"

COSMOSOFIA: "Dalla Genesi dell'Universo alla nascita del Logos Umano"