Passa ai contenuti principali

"La Via del Cielo" di Gabriele Sannino

"La Via del Cielo" di Gabriele Sannino

La via del cielo è il testo di uno dei filosofi cinesi tra i più importanti, Lao Tzu, vissuto nel VI secolo A.C. Questo scritto è tanto semplice quanto disarmante. La via del cielo, del resto, sta proprio nell’essenzialità, nel lasciarsi alle spalle molte cose o aspetti di questa dimensione, fisici come mentali. Lao Tzu qui non propone una filosofia, dei concetti astratti o intellettuali, ma un lasciar andare attraverso l’esperienza, una fluidità che porta chiarezza e pace interiore. Se il viaggio esperienziale dello spirito è ricoprirsi di strati fino a formare l’anima e il corpo per arrivare a vivere anche in questa dimensione, ecco che il percorso di Lao Tzu consente di cominciare a togliere tutti questi strati, ritornando all’origine, all’Uno, al quale tutti noi apparteniamo. All’inizio del testo, si legge chiaramente che la via che seguiamo non è la vera via. Noi non siamo il nostro nome, anche il cielo e la terra sono senza nome, mentre la madre di ogni cosa ha un nome. Noi seguiamo questa via erronea perché confondiamo il bello e il brutto. Se il mondo riconosce il bello, allora può scoprire il brutto, se il mondo riconosce il bene, allora capisce il male.

La nostra società vive nel caos proprio per questo: oggi come ieri il bello è puramente estetico, mentre il bene è pensare solo alla propria individualità. Per Lao Tzu, si dovrebbe evitare la competizione (la nostra società si basa sulla competizione). Inoltre, se non si dà troppo valore agli oggetti - in particolare ai preziosi - si evita il furto. Se si evita di nascondere agli uomini le verità e gli insegnamenti più preziosi, si evitano loro molti turbamenti interiori. La via verso il cielo, dunque, nasce dall’esperienza ma anche dalla conoscenza, anche se alla fine deve toccare il cuore. Quando essa è adempiuta, è ora di farsi da parte. Di andare oltre.

Per intraprendere questa via, è bene non riempire il nostro vaso fino all’orlo, né affilare troppo la lama: ricchezza e onori inducono all’arroganza. Per Lao Tzu, infatti, successo e disgrazia sono ugualmente nefasti: il primo, per quanto possa essere gratificante, reca con sé la paura di perderlo, mentre la seconda è già di per sé un fallimento. Qui siamo tutti acque torbide, chiarisce. “Come si può rendere limpida l’acqua torbida? La si lasci quieta, e gradualmente essa diverrà limpida.” Sul sapere, il mistico cinese è chiaro: “si lasci perdere il sapere e non ci si soffermi troppo tra ciò che è 'bene' e ciò che è 'male'. La mia mente è come quella di uno stupido: in confusione. Gli uomini ordinari appaiono brillanti e intelligenti, io sembro solo ottuso. Loro sono acuti e attenti io perso, scombussolato, in balia del mare. Tutti sanno cosa fare. Io bevo alla fonte della vita.” Il sapere, dunque, è la “conoscenza usuale”, per questo l’uomo che vuole farsi saggio e consapevole deve preferire ciò che è solido e profondo ed evitare ciò che è fragile e superficiale. In altre parole, si deve tenere il frutto e lasciare perdere il fiore.

Il saggio, inoltre, tiene stretta solo una cosa: l’unità. Egli è libero dall’esibizionismo, per questo risplende; dall’auto affermazione, per questo si distingue; dalla millanteria, per questo è lodato; dall’autocompiacimento, per questo è superiore.” La via del cielo – si capisce bene - non è per tutti allo stesso momento. Lao Tzu scrive: “quando l’uomo superiore sente parlare della Via, la mette in pratica; quando l’uomo medio sente parlare della Via, ora la applica ora no; quando l’uomo dappoco sente parlare della Via, ride di gusto.” Per intraprendere questa strada, dunque, bisogna lavorare molto su se stessi, togliendo molti pesi dall’anima. Occorre superare molti ostacoli posti dal sistema. La via del cielo” – conclude Lao Tzu – “sta nel condividere la conoscenza, nel donare e nel non danneggiare, se stessi e gli altri. Sta nell’essere generoso e nel non competere.” Molte persone oggi, in quest’epoca di risveglio spirituale, stanno intraprendendo questo sentiero, che è solo all’apparenza tortuoso. Molti altri, effettivamente, sono ancora ai banchi di partenza. 

Commenti

Post popolari in questo blog

"La Spiritualità è la più grande Truffa ai Danni dell'Animo Umano" di Federico Bellini

La Spiritualità è la più grande truffa ai danni dell'animo umano. Si, hai letto bene. È il mero tentativo di distoglierci da una vera ricerca totalizzante, facendoci volgere lo sguardo verso un aspetto esotico e mai affrontato delle nostre vite, dove regna la più completa ignoranza, e nella quale, un sacerdote, un guru o un maestro scaltro e furbo (con annesso parassita), ci metterà sempre lo zampino per meglio sfruttarvi e strizzarvi come un’oliva al frantoio, così da trarre da voi tutta la vostra migliore quintessenza e che potrete costantemente produrre.


La vera Spiritualità è l'Esperienza, nient'altro.

E quando le persone mi chiedono cosa dovrebbero fare per iniziare un "percorso spirituale" dico loro semplicemente di masturbarsi, perché se la Spiritualità è la Masturbazione dello Spirito, farlo davvero, fisicamente, vi condurrà a trovare nient'altro che un vostro sincero giovamento. Quando lo schifo, il disgusto, o lo scherno, appare sulla faccia di alcune…

"Ci siamo lasciati vessare, offendere, picchiare, torturare, stuprare..." di Federico Bellini

«Allora per la prima volta ci siamo accorti che la nostra lingua manca di parole per esprimere questa offesa, la demolizione di un uomo. In un attimo, con intuizione quasi profetica, la realtà ci si è rivelata: siamo arrivati al fondo. Più giù di così non si può andare: condizione umana più misera non c'è, e non è pensabile. Nulla più è nostro: ci hanno tolto gli abiti, le scarpe, anche i capelli; se parleremo, non ci ascolteranno, e se ci ascoltassero, non ci capirebbero. Ci toglieranno anche il nome: e se vorremo conservarlo, dovremo trovare in noi la forza di farlo, di fare sì che dietro al nome, qualcosa ancora di noi, di noi quali eravamo, rimanga.» (“Se questo è un uomo” di Primo Levi)
Così Primo Levi spiegava la sua condizione di deportato e prigioniero all’interno del Campo di Concentramento Nazista di Auschwitz, nella Polonia meridionale, in quella sua spietata e lucida descrizione scritta in un libro che tutti dovrebbero leggere, specie se vogliamo arrivare a comprendere …

"Rapimenti Alieni: il punto della situazione" di Federico Bellini

Rapimenti Alieni. Due parole innocue quanto sconvolgenti, perché racchiudono tutta la drammaticità di un fenomeno che nel corso di questi ultimi vent’anni, specie in Italia, ha raggiunto esiti fuori dal comune per poi recentemente cadere nel dimenticatoio, non senza aver dato vita ad alcuni contesti ai limiti del grottesco e dell’assurdo. Con questo articolo cercherò di fare un’analisi approfondita sul buono e il cattivo tempo nella ricerca internazionale legata a questo fenomeno, il quale ha ancora molto da dare per comprendere esaustivamente la nostra posizione su questo pianeta e nell’Universo. Parlare o scrivere di Abductions (termine preferito all’estero) è sempre un’impresa assai ardua, perché ogni volta si vanno ad intaccare certezze inossidabili, scuole di pensiero, dogmi, nonché una serie pressoché illimitata di luoghi comuni, scaturiti dalla fantasia non solo dei ricercatori che operano nel settore, ma soprattutto dai tanti seguaci di questi personaggi. È fuori ombra di dubb…

"Tipologia e Sintomi da Rapimento Alieno (Abductions)" di Federico Bellini

Esiste una sintomatologia per chi è vittima dei Rapimenti da parte di Entità Extraterrestri, e cercheremo in questa sede di spiegarne i più comuni. Gli elementi che caratterizzano un interferenza da parte di queste entità, sono: la Paralisi, l'Essere Spiati, i Sogni Lucidi, le Luci Blu, i Simboli, gli Esseri non Umani, l'Insonnia, i Suoni e i Ronzii, i Richiami, i Luoghi e le Visioni.
Paralisi: il soggetto prova la sensazione di essere paralizzato e di giacere su una superficie dura, senza potersi muovere. A volte nell’ambiente si manifestano luci brillanti e si avverte la presenza di altri esseri. Essere spiati: il soggetto sente di essere osservato, da qualcosa di indefinibile. Sogni lucidi: il soggetto vive sogni lucidi, particolarmente intensi e riferisce di essere stato capace di volare e attraversare superfici solide, come le mura di casa. Luci blu: durante il recupero dei ricordi originali sotto ipnosi, ricorre l’immagine di una diffusa luce blu. Simboli: a volte il sogg…