Passa ai contenuti principali

"La Civiltà Extraterrestre degli Arturiani" di Federico Bellini e Ambra Guerrucci

"La Civiltà Extraterrestre degli Arturiani" di Federico Bellini e Ambra Guerrucci

Il pianeta degli Arturiani
Descrivere Sistemi Solari che non possiamo osservare direttamente non è mai compito facile, tali ricostruzioni, pertanto, sono il frutto di indagini introspettive condotte attraverso percezioni ottenute con particolari metodologie o “connessioni” con la Mente Collettiva Universale, dati che ovviamente devono poi essere interpretati e inseriti in un contesto analitico che risulti convincente e verosimile. Dalle poche informazioni che sappiamo circa l'origine cosmica degli arturiani, riteniamo che abbiano un Sistema Solare composto dalla stella Arturo, un piccolo pianeta roccioso, un secondo pianeta grande quanto la nostra Terra, un terzo pianeta roccioso di grandezza media, un quarto roccioso medio-grande, seguono inoltre due giganti gassosi e altrettanti pianeti rocciosi e gassosi minori. La maggior parte dei pianeti rocciosi sono privi di atmosfera, ad eccezione dei due giganti gassosi, quasi simili a protostelle o nane brune, inoltre, si pensa che in origine fossero presenti altri pianeti rocciosi, più grandi ed abitabili, ma che a causa dell’ingigantirsi della stella e/o di varie dinamiche orbitali, siano stati inglobati all’interno di Arturo o spinti fuori dallo stesso sistema solare. Gli Arturiani vivono sul terzo pianeta roccioso, grande una volta e mezzo la Terra, dallo spazio presenta un colore pressoché uniforme azzurro chiaro, nebbioso, dovuto dall’atmosfera densissima formatasi a causa della vicinanza della stella e dal calore che essa emana. L’intera superficie del pianeta appare ricoperta di un particolare materiale metallico e lucente, su questa superficie si poi è sviluppata una strana e bizzarra varietà di flora e fauna rendendolo del tutto unico e fantasticamente esotico. Gli Arturiani, un tempo abitanti sulla superficie, si sono poi ritirati a vivere nel sottosuolo attraverso una rete di collegamento fatta di tunnel, gallerie disseminate sotto l’intera superficie. Questo cambio di vita è avvenuto, non solo perché sulla superficie è presente un’atmosfera così densa da non permettere la presenza di acqua allo stato liquido ma gassoso, con piante e animali che si trovano perennemente a galleggiare, ma anche per non intralciare la normale evoluzione naturale e spirituale di tutte le forme di vita che popolano il pianeta stesso. Tale condizione, però, è soggetta ad un controllo artificiale, in quanto è attivo un sistema tecnologico di protezione esterno al pianeta degli Arturiani che amplifica il campo magnetico in grado di proteggerli dalle continue e forti tempeste solari della stella.

Gli Arturiani, tipologia e razze
Esiste una grande confusione quando si comincia a parlare di Extraterrestri dall’aspetto Umano, sotto la definizione di Umanoidi Arturiani viene raggruppata un’unica Civiltà Originale di natura Umana a diversi livelli di Coscienza e densità (abitanti in tre dimensioni: la quinta, sesta e settima), accomunata da alcuni fattori comuni: l’aspetto umanoide o simil-umano, la pelle in varie tonalità di bianco, molto diversa da quella tipicamente terrestre, con occhi molto grandi dalla pupilla tonda simile alle nostre di vario colore (castani, blu scuro, verdi, chiare, etc). Il comportamento di questi esseri è caratterizzato da un'espansiva gentilezza di modi, nonché una purezza d'animo e un’innocenza simile a quella dei nostri bambini. Altamente evoluti spiritualmente danno una grande importanza all'amore ed hanno l'obbiettivo di raggiungere una fratellanza tra le altre civiltà umane presenti nel Cosmo, alfine di aiutarsi ad evolvere vicendevolmente.

Umano "Arturiano"
Altezza: 2.00 / 3.50 circa
Pelle: normale, non eccessivamente diafana, in tutte le tonalità di bianco.
Muscolatura: muscolosa uniforme.
Capelli: calvi, bianchi, biondo grano, castani.
Mani: cinque dita.
Occhi: chiari, verdi, castani, blu scuri, molti grandi e con taglio identico all'umano e pupilla tonda.
Abiti: abiti vari, con similitudine ad uniforme non militare.
Biologia: sembrano compatibili con la maggior parte delle funzioni biologiche umane di digestione (vegani) e respirazione, anche se alcuni si nutrono solamente di energia, si presume che possiedano due cuori (uno al centro del petto e l’altro all’altezza del nostro intestino) con un diverso sistema venoso o linfatico.
Composizione interiore: Super-Spirito Atoniano proveniente dalla stella Arturo e in incarnato in forma umanoide. Possiedono tutti i Corpi Sottili che abbiamo anche noi terrestri, ma alcuni hanno già purificato i corpi inferiori sublimandoli in quelli superiori. A livello Mentale Duale sono attualmente connessi con il Collettivo Positivo, mentre molti di loro lo hanno già trasceso in favore della Mente Neutra.

Fonte: l'articolo prosegue su www.risvegliopedia.com/forum

Commenti

Post popolari in questo blog

"Ci siamo lasciati vessare, offendere, picchiare, torturare, stuprare..." di Federico Bellini

«Allora per la prima volta ci siamo accorti che la nostra lingua manca di parole per esprimere questa offesa, la demolizione di un uomo. In un attimo, con intuizione quasi profetica, la realtà ci si è rivelata: siamo arrivati al fondo. Più giù di così non si può andare: condizione umana più misera non c'è, e non è pensabile. Nulla più è nostro: ci hanno tolto gli abiti, le scarpe, anche i capelli; se parleremo, non ci ascolteranno, e se ci ascoltassero, non ci capirebbero. Ci toglieranno anche il nome: e se vorremo conservarlo, dovremo trovare in noi la forza di farlo, di fare sì che dietro al nome, qualcosa ancora di noi, di noi quali eravamo, rimanga.» (“Se questo è un uomo” di Primo Levi)
Così Primo Levi spiegava la sua condizione di deportato e prigioniero all’interno del Campo di Concentramento Nazista di Auschwitz, nella Polonia meridionale, in quella sua spietata e lucida descrizione scritta in un libro che tutti dovrebbero leggere, specie se vogliamo arrivare a comprendere …

"Rapimenti Alieni: il punto della situazione" di Federico Bellini

Rapimenti Alieni. Due parole innocue quanto sconvolgenti, perché racchiudono tutta la drammaticità di un fenomeno che nel corso di questi ultimi vent’anni, specie in Italia, ha raggiunto esiti fuori dal comune per poi recentemente cadere nel dimenticatoio, non senza aver dato vita ad alcuni contesti ai limiti del grottesco e dell’assurdo. Con questo articolo cercherò di fare un’analisi approfondita sul buono e il cattivo tempo nella ricerca internazionale legata a questo fenomeno, il quale ha ancora molto da dare per comprendere esaustivamente la nostra posizione su questo pianeta e nell’Universo. Parlare o scrivere di Abductions (termine preferito all’estero) è sempre un’impresa assai ardua, perché ogni volta si vanno ad intaccare certezze inossidabili, scuole di pensiero, dogmi, nonché una serie pressoché illimitata di luoghi comuni, scaturiti dalla fantasia non solo dei ricercatori che operano nel settore, ma soprattutto dai tanti seguaci di questi personaggi. È fuori ombra di dubb…

"Tipologia e Sintomi da Rapimento Alieno (Abductions)" di Federico Bellini

Esiste una sintomatologia per chi è vittima dei Rapimenti da parte di Entità Extraterrestri, e cercheremo in questa sede di spiegarne i più comuni. Gli elementi che caratterizzano un interferenza da parte di queste entità, sono: la Paralisi, l'Essere Spiati, i Sogni Lucidi, le Luci Blu, i Simboli, gli Esseri non Umani, l'Insonnia, i Suoni e i Ronzii, i Richiami, i Luoghi e le Visioni.
Paralisi: il soggetto prova la sensazione di essere paralizzato e di giacere su una superficie dura, senza potersi muovere. A volte nell’ambiente si manifestano luci brillanti e si avverte la presenza di altri esseri. Essere spiati: il soggetto sente di essere osservato, da qualcosa di indefinibile. Sogni lucidi: il soggetto vive sogni lucidi, particolarmente intensi e riferisce di essere stato capace di volare e attraversare superfici solide, come le mura di casa. Luci blu: durante il recupero dei ricordi originali sotto ipnosi, ricorre l’immagine di una diffusa luce blu. Simboli: a volte il sogg…