Passa ai contenuti principali

"Hanno le loro basi sulla Luna e vengono di notte mentre dormi a portarti via!" di Federico Bellini

"Hanno le loro basi sulla Luna e vengono di notte mentre dormi a portarti via!" di Federico Bellini

La sera di Natale, prima di andare a dormire, ho rivisto dopo moltissimi anni e con grande piacere il film "Incontri Ravvicinati del Terzo Tipo" di Steven Spielberg. Rivederlo a distanza di tempo e con tutte le conoscenze che nel frattempo ho acquisito sul campo, non mi ha lasciato indifferente; ricordiamoci che il film è stato girato nel lontano 1977 e per l'epoca era decisamente un prodotto fuori dalle righe, seppur in linea con la cultura in fermento dell'epoca. Alcune cose, però, mi hanno colpito e che mi hanno fatto capire quanto Spielberg, già all'epoca, sapesse così tante cose da riversarle nei suoi film di maggior successo. Al di là della storia in sé, le ricostruzioni degli avvistamenti, le Abductions storiche presentate, dell'ipotetico "Progetto Serpo" finale (lo scambio di umani in visita sui mondi alieni), etc., sono due i momenti in cui il regista fa trapelare che quanto stiamo vedendo è la verità. La prima scena ce la presenta quando dei bambini, il giorno dopo l'avvistamento UFO del padre, in una mattina concitata affermano: "Hanno le loro basi sulla Luna e vengono di notte mentre dormi a portarti via!", e la seconda, quando i due protagonisti arrivano di fronte alla Devils Tower in Wyoming, dove lei dice: "Non riesco a crederci, mi sembra impossibile" e lui le risponde: "No, invece è tutto vero!"

Insomma, Spielberg sapeva e nel corso degli anni e dei suoi film (sia da lui realizzati o prodotti) ha saputo dimostrarcelo abbondantemente, ma lo Spielberg dell'epoca era forse il più genuino, che raccontava questi fatti con dovizia di particolari e cruda realtà, uno Spielberg che poi, nel corso degli anni ha mitigato queste conoscenze sotto un alone più favolistico, specie con l'ultimo "Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo". Questo per dirvi che è tramite i film o le più recenti serie TV, che il potere indottrina le masse e le indirizza verso precisi e determinati obiettivi.

PS Josef Allen Hynek (Chicago, 1º maggio 1910 – Scottsdale, 27 aprile 1986) celebre ufologo statunitense, professore di astronomia, protagonista del "Progetto Blue Book" come consigliere scientifico dal 1952 al 1969, fu consulente scientifico e collaboratore (così come l'United States Air Force e la NASA) per la realizzazione del film, tanto che appare in un breve cammeo verso la fine del film quando gli Alieni escono fuori dall'astronave, a suggellare che quanto raccontato, ha un fondo di verità...

Commenti

Post popolari in questo blog

"Il Dio Pan-Alieno di Godfrey Higgins" di Federico Bellini

Godfrey Higgins (1772-1833) è stato un magistrato inglese e proprietario terriero, stimato sostenitore della riforma sociale, storico ed antiquario. In certi ambienti esoterici è però conosciuto per i suoi scritti riguardanti i miti antichi, in particolare spicca un suo libro tra tutti, Anacalypsis, pubblicato postumo e in cui afferma dell’esistenza di una comunanza tra i vari miti religiosi della Terra, e a cui fa risalire un’origine comune su di una presunta religione o filosofia perduta di derivazione atlantidea. Dal poco che sappiamo della sua vita, risulta che fosse figlio di Godfrey Higgins di Skellow Grange, vicino a Doncaster, venne educato a Hemsworth prima di essere poi ammesso all’Emmanuel College di Cambridge nel 1790, per poi trasferirsi alla Trinity Hall nel 1791. In seguito, studiò legge all’Inner Temple ma non ottenne la licenza di esercitare la legge e si astenne dall’esercizio della professione. Quando poi Napoleone minacciò l’invasione del Regno Unito, si unì al Cor…

Le Consulenze di Federico Bellini, prenota una sessione!

Federico Bellini tiene Consulenze via Skype, di cui si ricorda la natura intensiva del lavoro svolto, e dove verranno forniti tutta una serie di strumenti per conoscere sé stessi, esercizi da svolgere a casa e nel quotidiano. Ad ogni appuntamento, pertanto, sarà come vivere all’interno di un vero e proprio viaggio sciamanico che ci condurrà alla comprensione tangibile dell’illusione, notoriamente chiamata Matrix, arrivando, così, non solo a toccarla con mano ma a vederla all’opera e superarla. La prima consulenza è gratuita. Sarà conoscitiva e permetterà di valutare se proseguire con altri consulti, i quali, se necessari, saranno concordati direttamente con la persona interessata.
Dal martedì al Venerdì, in orario 15:00 - 19:00 Su richiesta anche 21:00 - 23:00
Per prenotare è possibile scrivere al contatto WhatsApp 333 1773995 (no chiamate), oppure all'email: risvegliocomune@gmail.com

"Il Concertone dell'Illusione" di Federico Bellini

. Ogni anno, a Roma, per festeggiare il 1 maggio, i tre sindacati italiani organizzano il famoso "Concertone". Ora, non è per fare sempre polemica, ma viene naturale domandarsi a chi giova mettere in campo un simile evento. I cantanti che ogni anno si avvicendano sono dei 'privati' che si fanno una grande pubblicità, e spesso la qualità delle loro esibizioni dal vivo lascia alquanto a desiderare, essendo per lo più anche "stonati" (in tutti i sensi, non solo vocali), inoltre, sia per Roma come per tutta l'organizzazione messa in campo, vengono spesi dai 300.000 al milione di euro per dare vita a questo evento; ovviamente sono quasi tutti soldi pubblici! La cosa più buffa è che questi "grandi" sindacati vogliono festeggiare il "Lavoro", nel mentre chiedono ai politici di risolvere il problema della povertà e della disoccupazione. Ora, se almeno per un solo anno, quel "Concertone" non venisse organizzato, magari diventando un …

"Finché Matrix esiste..." di Federico Bellini

La prima volta che vidi alla televisione il film Matrix ero un giovane dall’aspetto carino, sbarbatello e coi capelli lunghissimi, di belle speranze e che studiava Composizione al Conservatorio Cherubini di Firenze. All’epoca seguivo i corsi di insigni maestri della Musica ed ero considerato tra i più bravi allievi, non solo di questo prestigioso istituto musicale, ma si diceva, di tutti gli altri istituti italiani. Lo stesso mio insegnante di Armonia e Contrappunto, o quello di Storia della Musica (che per inciso sono dei giganti della Musica Colta a livello internazionale), sostenevano che un allievo delle mie capacità non era più apparso nelle aule dei conservatori italiani da almeno 40 anni. Ricordo che all’epoca, i conservatori, erano ancora gestiti con le vecchie norme scolastiche e i voti venivano dati con il sistema decimale, capirete che coloro che prendevano 8, 9 o 10, il massimo dei voti, venivano non solo considerati dei geni, ma persino esentati dal pagare le tasse annual…