"La figura dell'Angelo? Un grandioso bluff!" di Federico Bellini

"La figura dell'Angelo? Un grandioso bluff!" di Federico Bellini

Dal momento che le persone sono vittime, per la stragrande maggioranza, della famigerata "Sindrome di San Tommaso", ovvero, se non vedono non credono, vedrò di riportare alla vostra attenzione la somiglianza tra Angeli ed Extraterrestri. L'immagine riportata accosta due opere di fantasia, la prima è un circolo angelico tratto dai disegni di Gustave Dorè dedicati alla Divina Commedia di Dante; l'altro è un U.F.O. disegnato con tutte le caratteristiche tratte dalla casistica mondiale, nell'atto di rapire una persona, insomma, la classica scena di Abductions. Riporto qui sotto, anche il mio articolo che alcuni mesi fa fece alquanto scalpore, circa la mia piccola disquisizione su queste figure, che al giorno d'oggi, vanno tanto (troppo) di moda, e sul mio mettervi in guardia sugli innumerevoli corsi, movimenti, filosofie, sette e perché no, religioni di stampo "New Age" create su queste figure, e che di angelico, NON HANNO ASSOLUTAMENTE NULLA!


*

A quanti mi parlano di Angeli, scrivono di Angeli, predicano gli Angeli e insegnano strane amenità sugli Angeli, sappiate che: la maggior parte delle persone nel Mondo (compresi i suddetti) crede che i “Giardini del Paradiso” fossero protetti dagli Angeli Cherubini, e questa differenza apparente è dovuta al fatto che, nella nostra epoca, si è cominciato a credere che “Cherubino” sia solo un altro termine per dire “Angelo”, ma il Cherubino di cui si parla nella "Genesi", il Cherubino Assiro, il Cherubino Babilonese, il Cherubino d'Oriente, al tempo in cui venne scritta la storia dell'Eden non era per niente un Angelo, ma piuttosto un animale mitologico alquanto mostruoso. In alcuni casi il Cherubino ha il corpo di un Leone con la testa di un altro animale, o di un Uomo, e le ali di un uccello. Ezechiele scrive che i Cherubini hanno il corpo di un Uomo e il viso, oltre ad avere un'espressione umana, ed hanno anche l'espressione di un Leone, di un Bue, di un Aquila; essi hanno poi quattro ali e il loro corpo è costellato di innumerevoli occhi. In Assiria e Babilonia i Cherubini venivano rappresentati come Buoi Alati dal viso umano e posti all'ingresso di palazzi e templi come guardiani, così come il Cherubino della "Genesi" difende l'Albero della Vita. Molti scrittori ebraici e padri del cristianesimo, specie greci, (i quali mutuarono tale figura dal loro ánghelos, o messaggero, il quale non era altro che il dio Hermes, considerato il messaggero, per l'appunto, degli Dèi!), ritenevano che i Cherubini fossero degli Angeli, e anche molti teologi li hanno ritenuti così fino a quando non è stato dimostrato che erano animali mitologici; si è scoperto, quindi, che il Cherubino cristiano di allora non era altro che un semplice Drago o, peggio ancora, un vero e proprio Mostro! Detto questo, i veri "Angeli" sono ben altra cosa, ma molto probabilmente penso che siano veramente poche le persone che lo sanno davvero, del resto, come ci insegna una certa filosofia in merito, i Cherubini, secondo la classificazione delle schiere angeliche, sono posti «oltre il trono di Dio», espressione metaforica per indicare l'estrema vicinanza a Dio ed al suo potere, guarda caso collocati da Dante nel Cielo dello Zodiaco o delle stelle fisse, a protezione della luce e delle stesse stelle, proprio come certi Guardiani Extraterrestri... e a quanti, sconcertati dalle mie affermazioni, mi chiedono "ma tu in cosa credi?", rispondo "è fondamentale credere in qualcosa?" La verità è che io non credo in niente (nemmeno agli Alieni!), perché preferisco essere più curioso di scoprire le cose che credere per cieca fede. Quello che ho scritto in questo articolo, circa la più vicina e concreta forma degli Angeli, è ripreso dai libri di storia, documentati da ricerche condotte nel corso dei secoli, degli ultimi decenni, etc., e non da qualche libro New Age di Angelologia. Vedete, c'è una discreta differenza  nel risalire alle origini delle proprie fonti, il più possibile indietro nel tempo, magari sino agli albori della nostra storia umana, che soffermarsi su moderni autori che su fantomatiche figure angeliche, riprese da conoscenze esoteriche e cabalistiche (tutte successive e a noi vicine), ci hanno costruito sopra una vero e proprio marketing, così come gli americani fecero dalla fine del 1800 con il "Classico Natale" a tutti noi ben noto. Io non conosco tutti coloro che mi hanno criticato, come molti di loro sanno quasi nulla o poco delle mie ricerche, della mia esperienza, del mio vissuto e delle mie esperienze, come sovente vedo da parte loro solo giudizi prevenuti. Nei tanti commenti leggo spesso affermazioni quali: "Esistono, è così e basta!" o "devi avere fede." Ebbene, cari/e signori/e questi sono dogmi belli e buoni, che non hanno a che fare con nessuna ricerca interiore, ma dimostrano nient'altro l'ennesimo cammino interrotto. Allora si tira fuori l'altra parola magica, il "Sacro", ma anche in questo caso si riscontra la pochezza della conoscenza in merito, dato che è una parola e niente di più, perché è l'informazione che diamo alle parole che le riveste di una qualche forma, in quanto di per sé non ha alcun potere se non siamo noi a darglielo, idem per tutto il resto, Angeli o Alieni compresi. A quel punto mi chiedono se ho mai studiato tali argomenti? Da una vita, rispondo (ho 40 anni), e così approfonditamente da sostenere la mia tesi, sia per vissuto personale, sia per studi e ricerche condotte da solo e con altri ricercatori e professionisti. Il fatto che ci siano chissà quante persone che vi credono e che li considerino un fatto "Sacro", non significa che sia una legge imperitura, dato che la storia umana è piena di casi analoghi, troppi. Ricordiamoci che con i dogmi della fede, per quasi 2000 anni siamo stati ingannati dalla religione cattolica (o vedi oggi l'Islam), perciò, un conto è credere un altro è conoscere, e cambiare dei dogmi per dei nuovi (e nella moderna spiritualità ce ne sono tanti come nelle vecchie fedi), è solo un attimo. Fintanto non si comprende che non è una fede o una tecnica che compie "il miracolo", ma è la persona stessa, perché nell'uomo si trovano tutte le risposte e le capacità, si tenderà sempre a credere ai sistemi, agli "Altri", ad avere delle fedi, a sperare che l'Angelologia, la Cabala o chissà che altro, possono aiutarci. Il vero miracolo siamo noi, il resto sono solo strumenti creati dall'uomo come estensione di un suo potere, nient'altro. Tutto può servire, specie per iniziare un cammino, ma si deve sempre rimanere in cammino e andare oltre. Come io stesso non ho tecniche migliori, ognuno avrà le proprie, perché credo (questo si) solo nelle mie capacità, come tutti dovrebbero fare, e solo così possiamo almeno tentare di liberarci dalle catene. Infine, a quanti mi dicono: "ma se ti si rompono le scarpe, non vai da un calzolaio?" come dire "se hai bisogno di capire, non vai dal maestro?" Rispondo anche in questo caso che si può camminare scalzi, come fece san Francesco, perché abbiamo sempre una scelta. Alla fine siamo tutti umani che interagiscono tra umani, così come con altri piani e a chi mi chiede se i "Buoni" esistono, rispondo infine: "Certo che esistono, ma vi invito a cercare di meglio rispetto a ciò che una credenza vuole farvi passare!">>

Commenti

Post popolari in questo blog

"Il Dio Pan-Alieno di Godfrey Higgins" di Federico Bellini

"Le Chat che distruggono i rapporti umani" di Gabriele Sannino

"Noi siamo gli Arconti di questa Società..." di Federico Bellini

"Breve storia del Genere Umano" di Federico Bellini