Passa ai contenuti principali

"Una Classica Famiglia Italiana" di Federico Bellini


"Una Classica Famiglia Italiana" di Federico Bellini

Gli ultimi vicini di casa che ho conosciuto al mio penultimo domicilio erano una famiglia molto particolare. Vivevano in una piccola casetta vecchia e un poco abbandonata ma che nel corso degli anni avevano risistemato. I lavori di risistemazione l'avevano resa così interessante e carina da far invidia al vicinato. Il nucleo familiare era composto da marito, moglie, un figlio adolescente e una bambina. La madre stava a casa, non aveva un lavoro ma svolgeva le faccende, tenendola in ordine e pulita ed occupandosi dei figli, crescendoli giorno dopo giorno, avendo anche poi parecchio tempo libero durante il giorno per occuparsi di sé stessa; insomma, la classica casalinga a tutti gli effetti. Il padre invece usciva presto la mattina per ritornare a casa la sera dopo una giornata di faticoso lavoro. Ricordo che ogni volta, al suo ritorno, prima di entrare si puliva accuratamente e si toglieva le scarpe per non sporcare in casa, nel mentre sulla porta accorreva la bambina a baciarlo, e il figlio più grande ad abbracciarlo, infine la moglie che le deva una bacio sulla bocca, entrando poi in casa tutti insieme; e questo accadeva quasi tutti i giorni. Il figlio più grande studiava, usciva spesso con gli amici, in bicicletta, ed essendo molto bello si vestiva con abiti spesso firmati, sicuramente comprati grazie a qualche lavoretto, e nelle belle giornate, insieme alla sorellina e a volte con il padre, quando non era a lavoro, si mettevano a giocare nel prato antistante la casa, felicemente. Ultimamente, prima di trasferirmi, era tornato a vivere da loro anche l'anziano padre di lui, accudito da tutti con dedizione, amore e rispetto. Non li ho mai sentiti litigare, alzare la voce, rimproverare i figli, ma ho sempre sentito arrivare dalla loro casa tanta felicità e risate. Insomma, la classica descrizione di una famiglia italiana... si, ma di origine marocchina e di fede islamica.


Ora riflettete un pochino sui vostri pregiudizi...

Per Leggere i Libri di Federico Bellini: CLICCA QUI

Commenti

Post popolari in questo blog

"La Spiritualità è la più grande Truffa ai Danni dell'Animo Umano" di Federico Bellini

La Spiritualità è la più grande truffa ai danni dell'animo umano. Si, hai letto bene. È il mero tentativo di distoglierci da una vera ricerca totalizzante, facendoci volgere lo sguardo verso un aspetto esotico e mai affrontato delle nostre vite, dove regna la più completa ignoranza, e nella quale, un sacerdote, un guru o un maestro scaltro e furbo (con annesso parassita), ci metterà sempre lo zampino per meglio sfruttarvi e strizzarvi come un’oliva al frantoio, così da trarre da voi tutta la vostra migliore quintessenza e che potrete costantemente produrre.

La vera Spiritualità è l'Esperienza, nient'altro.

E quando le persone mi chiedono cosa dovrebbero fare per iniziare un "percorso spirituale" dico loro semplicemente di masturbarsi, perché se la Spiritualità è la Masturbazione dello Spirito, farlo davvero, fisicamente, vi condurrà a trovare nient'altro che un vostro sincero giovamento. Quando lo schifo, il disgusto, o lo scherno, appare sulla faccia di alcune…

"Il Dio Pan-Alieno di Godfrey Higgins" di Federico Bellini

Godfrey Higgins (1772-1833) è stato un magistrato inglese e proprietario terriero, stimato sostenitore della riforma sociale, storico ed antiquario. In certi ambienti esoterici è però conosciuto per i suoi scritti riguardanti i miti antichi, in particolare spicca un suo libro tra tutti, Anacalypsis, pubblicato postumo e in cui afferma dell’esistenza di una comunanza tra i vari miti religiosi della Terra, e a cui fa risalire un’origine comune su di una presunta religione o filosofia perduta di derivazione atlantidea. Dal poco che sappiamo della sua vita, risulta che fosse figlio di Godfrey Higgins di Skellow Grange, vicino a Doncaster, venne educato a Hemsworth prima di essere poi ammesso all’Emmanuel College di Cambridge nel 1790, per poi trasferirsi alla Trinity Hall nel 1791. In seguito, studiò legge all’Inner Temple ma non ottenne la licenza di esercitare la legge e si astenne dall’esercizio della professione. Quando poi Napoleone minacciò l’invasione del Regno Unito, si unì al Cor…

"L'Uno, il Doppio o suo Riflesso, e la Trinità integrata" di Federico Bellini

Lei: "Buongiorno Fede! Non ti nego che quando hai parlato delle mele marce sul Sole, un po' ci sia rimasta... immagini che coscienze cosi 'sviluppate' siano molto più avanti di noi, ma evidentemente il percorso è lungo per tutti quanti... L'altro giorno, inoltre, mi hai detto di non cercare di praticare sempre la presenza perché? E' una identificazione anche quella?" Io: "Si, perché rischi di identificarti anche con quel lato spirituale che ritieni essere la tua liberazione. L'equilibrio sta sempre al Centro di tutto, la 'Via di Mezzo' del Buddha (tanto per intenderci), non nel ricercare un opposto o l'altro. Ricordati il detto, 'Così in Cielo così in Terra', significa che tra lassù e qui non ce poi una gran differenza, ma solo un punto di osservazione diverso." Lei: "Infatti, e questa è una cosa che nessuno ti insegna... la comprendo e mi alleggerisce ma allo stesso tempo toccando una credenza mi destabilizza, come cr…

"La Manipolazione dei Sogni" di Federico Bellini

Originariamente un Incubo era un demone di aspetto maschile che giaceva sui dormienti, solitamente donne, per trasmettere sogni infausti ed avere rapporti sessuali. In epoca romana veniva anche associato al Fauno, insieme ad altri come Fatuus, Fatuclus ed Inuus. Questi demoni erano raffigurati con in testa un berretto conico che talvolta perdevano mentre folleggiavano, mentre colui che ne trovava uno, si raccontava, poteva acquisire il potere di scoprire tesori nascosti. Plinio il Vecchio nella sua Naturalis Historia ne descriveva i rimedi, offerti dalla medicina popolare, per tutelarsi da questi incubi ricorrenti. Gli Incubi continuarono ad essere presenti nelle leggende medievali dove la loro figura diventò più malvagia, dato che sottraevano energia, specie dalla donna con cui giacevano per trarne nutrimento e, nella maggior parte dei casi, uccidevano la loro vittima o la lasciavano in pessime condizioni di salute. Una versione femminile di questo demone era chiamata Succubo. Durant…