"Un Mondo che non esiste più..." di Federico Bellini

"Un Mondo che non esiste più..." di Federico Bellini

Più o meno 30 anni fa, in questo periodo dell'anno, mi accingevo a passare l'intero mese di luglio dai nonni in campagna. All'epoca vivevano in una grande villa del 1600 in un piccolo paesino non distante da Pisa, in una zona ricca di storia e paesaggisticamente da lasciarti senza fiato. L'aperta campagna con i vasti campi coltivati ogni anno con piante diverse: quando il grano, il granturco o i gialli e abbaglianti girasoli, le anse dell'Arno, il Monte Pisano con i suoi alberi sempreverdi e i filari di uliveti. Nella villa, grandissima, avevo tutto il primo piano a mia disposizione, dato che i nonni, già anziani, avevano preferito spostarsi a quello terreno (la Villa aveva ben 16 stanze su oltre 300 mq), da un lato c'era anche un orto, coltivato con piante di carciofi, pomodori, patate, zucchine, melanzane, limoni, olivi, contornato di galline, polli, a volte tacchini (un anno persino i paperi giganti) e i gatti, tanti gatti (per un periodo ne hanno avuti 16!); poi arrivò anche il cane, Tomy, compagno di tante scorribande e avventure. Sull'altro l'altro lato, invece si trovava il grande giardino, anch'esso storico, intriso di fascino e qualche mistero, con i suoi boschetti di piante di Alloro, Lecci, Olmi e Palme, con le due aiuole che mia nonna, tra la primavera e l'estate, contornava di ogni tipologia infinita di fiori e di colori... Il 16 luglio, inoltre, il paesino festeggiava la Madonna del Carmine, e per l'unica strada principale del paese si svolgeva la processione, con la musica suonata dalla banda, e i tanti lumini accesi delle persone in preghiera, mentre nei giorni precedenti e successivi si susseguivano spettacoli, incontri, concerti, sagre... E pensare che tutto questo accadeva solamente 30 anni fa, mentre ad oggi ne rimane solo un mucchio di ricordi, intrisi di malinconica bellezza per un 'mondo' che non esiste più, dato che nel frattempo è profondamente cambiato da risultare, ad oggi, quasi irriconoscibile...

Per Leggere i Libri di Federico Bellini: CLICCA QUI

Commenti