Passa ai contenuti principali

"Tipologia e Sintomi da Rapimento Alieno (Abductions)" di Federico Bellini

"Tipologia e Sintomi da Rapimento Alieno (Abductions)" di Federico Bellini

Esiste una sintomatologia per chi è vittima dei Rapimenti da parte di Entità Extraterrestri, e cercheremo in questa sede di spiegarne i più comuni. Gli elementi che caratterizzano un interferenza da parte di queste entità, sono: la Paralisi, l'Essere Spiati, i Sogni Lucidi, le Luci Blu, i Simboli, gli Esseri non Umani, l'Insonnia, i Suoni e i Ronzii, i Richiami, i Luoghi e le Visioni.

Paralisi: il soggetto prova la sensazione di essere paralizzato e di giacere su una superficie dura, senza potersi muovere. A volte nell’ambiente si manifestano luci brillanti e si avverte la presenza di altri esseri. Essere spiati: il soggetto sente di essere osservato, da qualcosa di indefinibile. Sogni lucidi: il soggetto vive sogni lucidi, particolarmente intensi e riferisce di essere stato capace di volare e attraversare superfici solide, come le mura di casa. Luci blu: durante il recupero dei ricordi originali sotto ipnosi, ricorre l’immagine di una diffusa luce blu. Simboli: a volte il soggetto menziona strani simboli, lettere, numeri (666) o disegni incomprensibili, che in contatti successivi vengono persino illustrati dai presunti alieni. Esseri non Umani: il soggetto spesso sogna esseri le cui fattezze variano dallo stereotipo del Grigio (alto circa un metro e venti, macrocefalo e grandi occhi ovali neri), a spettrali figure alte e incappucciate, al tipo Nordico, biondo con penetranti occhi azzurri. Insonnia: in particolare concomitanza con le ore centrali della notte, verso le 3.00, è comune l’insonnia. Il soggetto entra in uno stato di tensione, perché nel cedere al sonno teme il ripetersi dell’esperienza; non di rado appaiono sfere luminose o lampi di luce blu al di là di una finestra o verso il soffitto. Suoni e Ronzii: manifestazioni acustiche di origine ignota, simili ad impulsi, ticchettii o frequenze acutissime, talvolta meccaniche. Richiami: alcuni addotti sentono di doversi recare in luoghi a loro sconosciuti, e spesso ben specifici. Luoghi: il soggetto sogna grandi città di cristallo, di pietra o di acciaio con edifici di foggia strana, cieli dal colore innaturale, o l’interno di sale dalle pareti metalliche dotate di apparecchiature futuristiche. Frequentemente il soggetto riferisce di essersi trovati di fronte allo schermo di un video o di un computer, in cui "qualcuno proietta" immagini di avvenimenti. Visioni: chiudendo gli occhi nel desiderio di addormentarsi, di colpo si manifestano immagini di extraterrestri di vario genere accanto al letto, o di UFO, che svaniscono riaprendo gli occhi.

Effetti Fisici
Gli effetti fisici che manifestano gli addotti, sono: Cicatrici o Segni, Bruciature inspiegabili, Dolori, Complicanze nelle Donne, Sinusiti croniche, Fobie, Emorragie, Mal di Testa e Presenza di Corpi Estranei. Cicatrici o Segni: si evidenziano soprattutto nella zona della bocca, del naso, dietro o nelle orecchie, sui genitali o sotto il ginocchio e nelle mani. Bruciature inspiegabili: come sopra. Dolori: frequenti quelli alla schiena o al collo, o ai genitali. Complicanze per le Donne: gravidanze apparenti (isteriche, secondo la medicina) e sparizione del feto prima del parto. Le fenomenologie sono talvolta accompagnate da sogni vividi in cui la donna viene fatta partorire anzitempo da qualcuno, spesso da esseri non umani. Sinusiti croniche: il blocco o la sensazione di occlusione nasale, sono frequenti, talvolta in associazione ad epistassi (perdite di sangue). Fobie: in particolare nei confronti degli occhi neri o di creature (anche animali) con occhi grandi, come gufi e foche. Si palesano fobie nei confronti degli ambienti ospedalieri e delle procedure mediche, sono tipiche anche quelle verso gli insetti e alcuni rumori meccanici, nonché disagio di fronte a film o altre rappresentazioni di tipo apocalittico. Emorragie: tipiche quelle nasali e dalle orecchie, e per le donne talvolta in aree genitali. Mal di Testa: è un altro sintomo piuttosto frequente, talvolta accompagnato da perdita dell’equilibrio e malumore. Presenza di Corpi Estranei: si manifestano sottocute, di norma sono duri e sferoidali, e non superano il mezzo centimetro. Ad una analisi medica superficiale possono apparire come inusuali depositi calcarei o comunque litici, mentre una volta estratti rivelano una composizione minerale anomala.

Conseguenze Psicofisiche
Le varie conseguenze psicofisiche post-Abductions che si riscontrano maggiormente sono: 1) potenziamento di facoltà psichiche quali telepatia, preveggenza e l’evidenziarsi della capacità di emettere energia curativa (pranoterapia); 2) improvvisa tendenza alla protezione ambientale, al vegetarianesimo e al rispetto della natura in genere. Spesso ci si associa a cause comunitarie, ispirazioni, credo e tendenze New Age, sviluppando un profondo senso civile. La sensazione di avere un compito da portare a termine risulta parte integrante del post-incontro; 3) intenso interesse negli UFO e fenomeni associati, nonché il desiderio di apprendere argomenti inerenti la scienza, l’astronomia e la magia; 4) frequentazione di corsi di Yoga, di meditazione o di arti marziali, quasi a cercare una disciplina mediante la quale "allineare" e riequilibrare mente, corpo e spirito; 5) irresistibile necessità di scoprire di più su se stessi e sul cosmo; 6) sensazione dell’imminenza di un disastro di dimensioni bibliche, coincidente con la fine del mondo conosciuto e con l’inizio di un mondo nuovo; 7) problemi nella sfera sessuale, forse derivanti da alcune procedure riproduttive o ispezioni dell’area genitale; 8) interazione con gli apparecchi elettrici ed elettronici (computer): interferire in qualche modo con le trasmissioni televisive, dare o prendere la scossa, apparecchi elettrici che si spengono o si accendono da soli in presenza del soggetto;  9) sensazione di essere in parte alieno, o comunque il sentirsi diversi dalla gente comune, con gusti e abitudini inusuali; 10) forte tendenza antisociale che, unita all’insorgere della passione per la natura, può portare a vivere in campagna o in montagna.

Gli Impianti
Secondo alcuni ricercatori esisterebbero anche degli "impianti" (definiti anche microimpianti) e che, come abbiamo letto nel precedente capitolo, vengono estratti dal corpo dei soggetti che sostengono di essere stati rapiti. Gli impianti alieni, in genere, sono scoperti dopo normali analisi mediche come ecografie, radiografie ecc., e dopo avere accertato che questi corpi estranei non siano masse tumorali, cisti o quant'altro di consueto, il paziente viene sottoposto ad un trattamento di ipnosi regressiva dove si scopre che tutte queste persone, a cui sono stati ritrovati questi corpi estranei, dichiarano di essere state rapite dagli extraterrestri. Un altro campanello di allarme che può far pensare di avere all'interno del corpo impianti alieni, sono segni e/o cicatrici sulla pelle dei quali non conosciamo la causa. Ci sono dei casi nei quali queste cicatrici sono comparse durante la notte, mentre il soggetto dormiva, e dopo averle fatte esaminare a chirurghi specialisti, si è scoperto che sembravano veri e propri tagli operatori ma realizzati con una tecnica da noi sconosciuta. Uno dei casi più famosi di questi impianti sarebbe stato estratto dal corpo del cittadino statunitense Tim Cullen per opera del chirurgo Roger Leir: si tratterebbe di un oggetto dotato di un nucleo metallico,  coperto da una membrana rosso-marrone, cosparsa di molti recettori connessi alle terminazioni nervose della misura di 7 cm di lunghezza per 4 di larghezza. Sarebbe stato innestato nel corpo di Cullen in occasione di un incontro ravvicinato con un UFO dal diametro di 30 metri, che egli stesso avrebbe avuto nel corso del 1978. Il ricercatore Darel Sims, anni fa, selezionò dei volontari a cui identificò ed estrasse degli impianti facendo delle sensazionali scoperte. Gli impianti, da allora, furono suddivisi in tre categorie, Metallici, Non Metallici e Biologici. Metallici: questi tipi di impianti si sono rivelati essere di una grandezza media di 5 mm con una varia tipologia di forme, triangolare, a forma di bastoncino ricoperti da una membrana biologica, ovale, ed infine a forma bivalve come i molluschi. Questi oggetti sembrano avere delle proprietà elettromagnetiche, misurabili tranquillamente con l'ausilio di un magnetronomo, che varia tra i 2 e i 6 Milligauss le quali scompaiono una volta che l'oggetto viene espiantato dal corpo. In un oggetto, in particolare, si è potuto verificare che se si passava una calamita sopra di esso, da questo fuoriuscivano due appendici le quali si muovevano simmetricamente alla calamita. La particolarità di questi oggetti è anche il materiale, che stupefacentemente, si è rivelato essere una lega metallica a base di ferro amorfa. I metalli amorfi, da noi realizzati, come si sa non hanno caratteristiche magnetiche poiché vengono, dopo la fusione, raffreddati velocemente non permettendo la formazione dei cristalli (in pratica è come se fossero dei "liquidi-solidi"), questi invece, come si è visto, nonostante siamo realizzati con metalli amorfi hanno proprietà elettromagnetiche. Non Metallici: elementi estranei di una componente chimica simile alla plastica o nei casi più comuni sono schegge meteoriche. Biologici: spesso costituiscono l'involucro di altri oggetti, hanno la caratteristica di reagire ai raggi UV e cambiano la loro struttura una volta estratti, da spessa ed elastica, a sottile e fragilissima.

Considerazioni finali
Questi sono soltanto alcuni dei “sintomi”, nonché indizi più ricorrenti, in una persona soggetta da interferenze extraterrestri. Ovviamente non tutti i sintomi devono figurare in una ipotetica diagnosi del problema, come possono benissimo presentarsene altri qui non menzionati, ma se in molti si riconoscono nella descrizione, è bene avere il sospetto che possa esistere qualcosa di alieno (intenso nel senso più ampio del termine) che condiziona la vostra esistenza. Le adduzioni aliene sono un tema molto vasto e complesso che abbraccia tante questioni importanti: sul perché di tali rapimenti, le finalità extraterrestri, le modalità di rapimento, su cosa poi avvenga durante il rapimento stesso. Essenzialmente, un’adduzione è una visita medica condotta dall’alieno, un vero e proprio check-up che effettua in media tre volte l’anno su ogni persona rapita. Per l’extraterrestre è importante che l’uomo che seguono e controllano, rimanga in condizioni di salute ottimale, conduca una vita possibilmente sana, senza eccessi e che mantenga in forma il proprio contenitore (Corpo). Ma spesso avviene che dalla visita medica, si passi anche agli esperimenti, ai rapporti sessuali, il prelievo di sperma, l’inseminazione artificiale per sperimentare nuovi ibridi umano-extraterrestri, sino ad arrivare all’utilizzo dei fenomeni paranormali dell’addotto e alle sue potenzialità energetiche. L’uomo possiede una fonte di energia inesauribile che loro non hanno, l’uomo per l’alieno è come una mucca da mungere, dal quale prelevare materiale e soprattutto energia, perché per loro è fondamentale “nutrirsi” attraverso di noi. Ecco che nasce il mito del “vampiro”, dei demoni che affollano le notti di tante persone, sino ad arrivare alla figura del diavolo che ti ruba l’Anima. Perché è l’Energia Monadica, o meglio  Divina, che l'extraterrestre vuole e sta cercando in tutti di modi di conquistare. Comune nel ricordo di molti addotti è il senso di sdoppiamento della propria personalità, la sensazione di aver perso qualcosa di sé, e quando accade, è facile cadere in forti depressioni, in situazioni di stanchezza cronica dove tutto risulta difficile da superare. Questo avviene perché nei casi più estremi, l’alieno che ha bisogno di energia per sopravvivere, introduce l’addotto in un contenitore, una macchina o cilindro, dove attraverso vibrazioni emesse da basse frequenze, staccano questa Energia per spostarla momentaneamente in un altro cilindro, dove all’interno si trova l’essere extraterrestre e che così viene “rigenerato” o letteralmente “drogato”. Tali sfasamenti di personalità, inoltre, sono spesso causati anche dalle copie (il mito del Golem ebraico per esempio), si tratta di veri e propri cloni dell’addotto, creati dall’alieno e che vengono usati come “ruota di scorta”, non solo perché possono fare un duplicato di tutte le informazioni contenute nell’originale, ma perché in sostituzione al vero addotto, possono anche utilizzarlo per svariati scopi (soprattutto militari). Le copie, per sopravvivere, hanno inoltre bisogno di ricaricarsi di energia, quindi se vengono attivate, l’Energia Monadica si trasporta momentaneamente anche al loro interno, per donargli linfa vitale necessaria. Ogni adduzioni dura in media 40 / 45 minuti, salvo casi rari dove l’addotto può essere prelevato per giorni, settimane o addirittura mesi, se ciò accade, al suo posto viene rilasciata la copia che svolgerà le funzioni dell’originale in sua sostituzione. Le adduzioni, a loro volta, possono variare a seconda della razze extraterrestri che le conducono, ma fondamentalmente si distinguono in due tipi principali: l’Adduzione Fisica e Olografica. L’Adduzione Fisica consiste nell’entrare nella camera dell’addotto attraverso una porta dimensionale, questo tipo di adduzione è comune per quelle entità o razze inferiori e/o dei Militari, in quanto svolgono per la maggior parte delle volte il lavoro sporco per le altre razze superiori, in qualità di servitori (o schiavi). L’Alieno o il Militare, entra in camera attraverso la porta e ti invita a seguirlo; spesso accade che si tocchi l’addotto, lo si afferri o venga preso letteralmente in braccio. In genere sono molto accorti a non lasciare traccia, ma può capitare che spostino oggetti, lascino impronte o quando riportano l’addotto, non sia rivestito correttamente e venga posizionato sul letto in modo anomalo, anche nudo. Nell’Adduzione Olografica, invece, l’Alieno apre ugualmente una porta dimensionale all’interno della camera ma non vi entra, rimane dentro l'astronave o comunque del suo ambiente e invita l’addotto a seguirlo. Tale adduzione è tipica di varie razze extraterrestri con problemi fisici, dato che per la loro statura o grandezza creerebbero danni e lascerebbero tracce evidenti; proprio per il livello di sicurezza raggiunto, l’Adduzione Olografica resta la più utilizzata nei casi di Abductions. In questo tipo di adduzione è comune negli addotti ricordare la presenza degli extraterrestri nella propria camera, ma data la loro statura, di non capacitarsi su come sia possibile la presenza stessa di questi esseri all’interno della stanza. Il ricordo di una visione dell’alieno in forma bidimensionale, immagine a volte disturbata, conferma la tipologia dell’adduzione, spesso accompagnata dalla presenza fisica dell’entità o del servitore, che invece è materialmente nella stanza o sul “ciglio della porta”, pronto ad intervenire in caso di necessità.

Commenti

Post popolari in questo blog

"La Spiritualità è la più grande Truffa ai Danni dell'Animo Umano" di Federico Bellini

La Spiritualità è la più grande truffa ai danni dell'animo umano. Si, hai letto bene. È il mero tentativo di distoglierci da una vera ricerca totalizzante, facendoci volgere lo sguardo verso un aspetto esotico e mai affrontato delle nostre vite, dove regna la più completa ignoranza, e nella quale, un sacerdote, un guru o un maestro scaltro e furbo (con annesso parassita), ci metterà sempre lo zampino per meglio sfruttarvi e strizzarvi come un’oliva al frantoio, così da trarre da voi tutta la vostra migliore quintessenza e che potrete costantemente produrre.


La vera Spiritualità è l'Esperienza, nient'altro.

E quando le persone mi chiedono cosa dovrebbero fare per iniziare un "percorso spirituale" dico loro semplicemente di masturbarsi, perché se la Spiritualità è la Masturbazione dello Spirito, farlo davvero, fisicamente, vi condurrà a trovare nient'altro che un vostro sincero giovamento. Quando lo schifo, il disgusto, o lo scherno, appare sulla faccia di alcune…

"Franco Battiato: mi sono Reincarnato e ricordo le mie Vite Passate"

Da dove nasce l’esigenza di realizzare un film sulla morte? E’ un tema al quale mi dedico oramai da molto tempo, da quando nel 1979 ho cominciato a interessarmi alla spiritualità e alla meditazione. Con la meditazione ho imparato che chiudendo gli occhi ed escludendo tutto il mondo esterno si inizia a vedere sul serio, a vivere sul serio. Ho potuto approfondire la concezione buddista della morte in un mio viaggio a Kathmandu, dove ho avuto la fortuna di poter a lungo dialogare con il Lama Kanghser, Lama Monlam e il Lama Geshe Jampa Gelek. Il mio documentario è il risultato delle loro riflessioni e del loro credo, dell’illuminazione e del “nirvana”, inteso come fine ultimo della vita e cioè cessazione del dolore. Le loro riflessioni sono poi messe a confronto con quelle del teologo Guidalberto Bormolini che ci ricorda come anche san Francesco definiva la morte “sorella” e che san Carlo Borromeo si fosse fatto dipingere una tela in cui la morte veniva rappresentata non con la tradizional…

"Ci siamo lasciati vessare, offendere, picchiare, torturare, stuprare..." di Federico Bellini

«Allora per la prima volta ci siamo accorti che la nostra lingua manca di parole per esprimere questa offesa, la demolizione di un uomo. In un attimo, con intuizione quasi profetica, la realtà ci si è rivelata: siamo arrivati al fondo. Più giù di così non si può andare: condizione umana più misera non c'è, e non è pensabile. Nulla più è nostro: ci hanno tolto gli abiti, le scarpe, anche i capelli; se parleremo, non ci ascolteranno, e se ci ascoltassero, non ci capirebbero. Ci toglieranno anche il nome: e se vorremo conservarlo, dovremo trovare in noi la forza di farlo, di fare sì che dietro al nome, qualcosa ancora di noi, di noi quali eravamo, rimanga.» (“Se questo è un uomo” di Primo Levi)
Così Primo Levi spiegava la sua condizione di deportato e prigioniero all’interno del Campo di Concentramento Nazista di Auschwitz, nella Polonia meridionale, in quella sua spietata e lucida descrizione scritta in un libro che tutti dovrebbero leggere, specie se vogliamo arrivare a comprendere …

"Rapimenti Alieni: il punto della situazione" di Federico Bellini

Rapimenti Alieni. Due parole innocue quanto sconvolgenti, perché racchiudono tutta la drammaticità di un fenomeno che nel corso di questi ultimi vent’anni, specie in Italia, ha raggiunto esiti fuori dal comune per poi recentemente cadere nel dimenticatoio, non senza aver dato vita ad alcuni contesti ai limiti del grottesco e dell’assurdo. Con questo articolo cercherò di fare un’analisi approfondita sul buono e il cattivo tempo nella ricerca internazionale legata a questo fenomeno, il quale ha ancora molto da dare per comprendere esaustivamente la nostra posizione su questo pianeta e nell’Universo. Parlare o scrivere di Abductions (termine preferito all’estero) è sempre un’impresa assai ardua, perché ogni volta si vanno ad intaccare certezze inossidabili, scuole di pensiero, dogmi, nonché una serie pressoché illimitata di luoghi comuni, scaturiti dalla fantasia non solo dei ricercatori che operano nel settore, ma soprattutto dai tanti seguaci di questi personaggi. È fuori ombra di dubb…