Passa ai contenuti principali

"L’Organizzazione Mondiale della Sanità e le Case Farmaceutiche" di Salvador Freixedo e Magdalena del Amo

"L’Organizzazione Mondiale della Sanità e le Case Farmaceutiche" di Salvador Freixedo e Magdalena del Amo

Fino a poco tempo fa qualsiasi disposizione che venisse dall’Organizzazione Mondiale della Sanità era indiscutibile, tanto dalle istituzioni quanto dai cittadini in generale. Non erano ancora di dominio pubblico gli affari loschi e la lotta d’interesse di questa entità nata per tutelare la salute della popolazione mondiale. Può darsi che questo intento si sia realizzato all’inizio, ma nell’attualità certamente no. La verità è che ciò che prima sapevano solo in pochi, e che pochi altri semplicemente sospettavano, è ora di pubblico dominio: la OMS, imitando sua madre, la rispettabilissima ONU, è uno degli organismi più corrotti al mondo. Di fronte a questo non si può rimanere impassibili, perché qui non si tratta delle prevaricazioni, delle tangenti o delle macchinazioni volte ad alterare il prezzo degli oggetti – delitti a cui siamo così abituati –, si tratta invece di qualcosa di così serio come la salute della gente e del pianeta nel suo insieme, con la sua flora e la sua fauna. Il grande problema dell’OMS è che poco a poco si è andata separando dai suoi propositi iniziali. Curiosamente, questo suol succedere quando di mezzo ci sono i soldi che comprano le volontà. Al principio l’entità era finanziata dai 194 paesi che ne facevano parte, come determinato dai suoi statuti. Ciascun paese apportava una quota fissa obbligatoria e proporzionale al suo reddito pro capite, però, secondo le fonti stesse dell’OMS, questa quota è diventata progressivamente insufficiente per far fronte a tutte le spese. Il problema grave è che è andata privatizzandosi e attualmente dipende dalle donazioni private e dalla grande industria farmaceutica. E qui ritroviamo ancora l’ineffabile Bill Gates, che attraverso la sua fondazione è colui che apporta la maggior somma. Non per filantropia, come abbiamo già detto altrove, bensì per l’interesse personale di dominare il mondo e controllare la popolazione. Le società che contribuiscono all’OMS con le somme maggiori sono GlaxoSmithKline, Novartis, Sanofi Pasteur e Merck. Curiosamente, queste quattro società sono le principali produttrici di vaccini. Chi ha i soldi, ha il potere; e chi paga, comanda. Pertanto, queste multinazionali sono quelle che decidono quali programmi finanziare con i propri soldi. In questo modo, la fondazione Bill & Melinda Gates finanzia solo i progetti a cui Bill è interessato.

Tratto da: “COSPIRAZIONI CONTRO L’UMANITÀ. L’agenda dei padroni del mondo” di Salvador Freixedo e Magdalena del Amo, in uscita a settembre in Spagna

Per Leggere i Libri di Salvador Freixedo in Italia: CLICCA QUI

Commenti

Post popolari in questo blog

"Il Dio Pan-Alieno di Godfrey Higgins" di Federico Bellini

Godfrey Higgins (1772-1833) è stato un magistrato inglese e proprietario terriero, stimato sostenitore della riforma sociale, storico ed antiquario. In certi ambienti esoterici è però conosciuto per i suoi scritti riguardanti i miti antichi, in particolare spicca un suo libro tra tutti, Anacalypsis, pubblicato postumo e in cui afferma dell’esistenza di una comunanza tra i vari miti religiosi della Terra, e a cui fa risalire un’origine comune su di una presunta religione o filosofia perduta di derivazione atlantidea. Dal poco che sappiamo della sua vita, risulta che fosse figlio di Godfrey Higgins di Skellow Grange, vicino a Doncaster, venne educato a Hemsworth prima di essere poi ammesso all’Emmanuel College di Cambridge nel 1790, per poi trasferirsi alla Trinity Hall nel 1791. In seguito, studiò legge all’Inner Temple ma non ottenne la licenza di esercitare la legge e si astenne dall’esercizio della professione. Quando poi Napoleone minacciò l’invasione del Regno Unito, si unì al Cor…

Le Consulenze di Federico Bellini, prenota una sessione!

Federico Bellini tiene Consulenze via Skype, di cui si ricorda la natura intensiva del lavoro svolto, e dove verranno forniti tutta una serie di strumenti per conoscere sé stessi, esercizi da svolgere a casa e nel quotidiano. Ad ogni appuntamento, pertanto, sarà come vivere all’interno di un vero e proprio viaggio sciamanico che ci condurrà alla comprensione tangibile dell’illusione, notoriamente chiamata Matrix, arrivando, così, non solo a toccarla con mano ma a vederla all’opera e superarla. La prima consulenza è gratuita. Sarà conoscitiva e permetterà di valutare se proseguire con altri consulti, i quali, se necessari, saranno concordati direttamente con la persona interessata.
Dal martedì al Venerdì, in orario 15:00 - 19:00 Su richiesta anche 21:00 - 23:00
Per prenotare è possibile scrivere al contatto WhatsApp 333 1773995 (no chiamate), oppure all'email: risvegliocomune@gmail.com

"Il Concertone dell'Illusione" di Federico Bellini

. Ogni anno, a Roma, per festeggiare il 1 maggio, i tre sindacati italiani organizzano il famoso "Concertone". Ora, non è per fare sempre polemica, ma viene naturale domandarsi a chi giova mettere in campo un simile evento. I cantanti che ogni anno si avvicendano sono dei 'privati' che si fanno una grande pubblicità, e spesso la qualità delle loro esibizioni dal vivo lascia alquanto a desiderare, essendo per lo più anche "stonati" (in tutti i sensi, non solo vocali), inoltre, sia per Roma come per tutta l'organizzazione messa in campo, vengono spesi dai 300.000 al milione di euro per dare vita a questo evento; ovviamente sono quasi tutti soldi pubblici! La cosa più buffa è che questi "grandi" sindacati vogliono festeggiare il "Lavoro", nel mentre chiedono ai politici di risolvere il problema della povertà e della disoccupazione. Ora, se almeno per un solo anno, quel "Concertone" non venisse organizzato, magari diventando un …

"Finché Matrix esiste..." di Federico Bellini

La prima volta che vidi alla televisione il film Matrix ero un giovane dall’aspetto carino, sbarbatello e coi capelli lunghissimi, di belle speranze e che studiava Composizione al Conservatorio Cherubini di Firenze. All’epoca seguivo i corsi di insigni maestri della Musica ed ero considerato tra i più bravi allievi, non solo di questo prestigioso istituto musicale, ma si diceva, di tutti gli altri istituti italiani. Lo stesso mio insegnante di Armonia e Contrappunto, o quello di Storia della Musica (che per inciso sono dei giganti della Musica Colta a livello internazionale), sostenevano che un allievo delle mie capacità non era più apparso nelle aule dei conservatori italiani da almeno 40 anni. Ricordo che all’epoca, i conservatori, erano ancora gestiti con le vecchie norme scolastiche e i voti venivano dati con il sistema decimale, capirete che coloro che prendevano 8, 9 o 10, il massimo dei voti, venivano non solo considerati dei geni, ma persino esentati dal pagare le tasse annual…