Passa ai contenuti principali

"Attenzione, il 'Sistema' è all'opera..." di Federico Bellini

"Attenzione, il 'Sistema' è all'opera..." di Federico Bellini

Vero che adesso c'è molta più Coscienza che circola, ma di pari passi c'è anche molta più ignoranza, perché il "Sistema" non vuole che un certo Risveglio si manifesti. Ecco che spuntano traduzioni della Bibbia che uniscono verità e forzature, terapeuti o terapisti improvvisati che non conoscendo la reale natura umana non sanno come intervenire per risolvere dei semplici problemi fisici, esoteristi, ricercatori dell'occulto o ufologi che galvanizzati dalle loro scoperte, credono di parlare amichevolmente con certe Entità, senza sapere, dato che nessuno le vede, cosa in realtà stiano facendo a livello sottile con i diretti interessati. I "Meccanismi", così, si perpetuano, a distanza di anni si ripresentano le stesse modalità con persone diverse, ma riunite all'interno di gruppi di lavoro, sempre uguali, che seppur inizialmente e con tutta la buona volontà o buonafede infusavi, finiscono poi per circondarsi di seguaci e di diventare talmente chiusi a riccio, come ogni Setta che si rispetti. C'era un vecchio detto che diceva "se giochi troppo con il diavolo, alla fine sarà il diavolo a giocare con te" e se non conosci le regole di questo gioco, si fa presto a passare da uomo forse libero, a sicura pedina, a possibile vittima. Quando ripeto allo sfinimento "Facciamo Attenzione" (e vale anche per me), significa tutto questo!


Eccolo qua, il padre dell'anno. Lot, Patriarca della Bibbia, nipote di Abramo (figlio di suo fratello Aran). Quando Dio decise di distruggere Sodoma e Gomorra, due angeli in sembianze umane vennero ad avvertire Lot perché fuggisse. Una volta che Lot ebbe fatto entrare i due nella sua casa e li ebbe rifocillati, i Sodomiti bussarono alla sua porta per prendere i due visitatori e abusare di loro. Lot, per fermare la folla, offrì loro le sue due figlie vergini perché venissero violentate al posto degli angeli. (Si avete letto bene!) A questo punto, la folla inferocita venne fermata da un lampo abbagliante che fece perdere loro la vista. Lot fuggì con la moglie e le figlie verso Zoar; ma, durante la fuga, sua moglie, per aver contravvenuto all'ordine di non voltarsi a guardare, fu tramutata in una statua di sale.

Genesi 19,1-26
1 I due angeli arrivarono a Sòdoma sul far della sera, mentre Lot stava seduto alla porta di Sòdoma. Non appena li ebbe visti, Lot si alzò, andò loro incontro e si prostrò con la faccia a terra. 2 E disse: «Miei signori, venite in casa del vostro servo: vi passerete la notte, vi laverete i piedi e poi, domattina, per tempo, ve ne andrete per la vostra strada». Quelli risposero: «No, passeremo la notte sulla piazza». 3 Ma egli insistette tanto che vennero da lui ed entrarono nella sua casa. Egli preparò per loro un banchetto, fece cuocere gli azzimi e così mangiarono. 4 Non si erano ancora coricati, quand'ecco gli uomini della città, cioè gli abitanti di Sòdoma, si affollarono intorno alla casa, giovani e vecchi, tutto il popolo al completo. 5 Chiamarono Lot e gli dissero: «Dove sono quegli uomini che sono entrati da te questa notte? Falli uscire da noi, perché possiamo abusarne!». 6 Lot uscì verso di loro sulla porta e, dopo aver chiuso il battente dietro di sé, 7 disse: «No, fratelli miei, non fate del male! 8 Sentite, io ho due figlie che non hanno ancora conosciuto uomo; lasciate che ve le porti fuori e fate loro quel che vi piace, purché non facciate nulla a questi uomini, perché sono entrati all'ombra del mio tetto» 

Ora, dato che anche le sue figlie non erano da meno, quando Lot si rifugiò in una caverna con loro, ed esse, desiderando concepire dei figli e non essendovi nessun altro uomo in quella regione, fecero bere del vino al loro padre ed ebbero rapporti sessuali con lui mentre era ubriaco. Esse generarono due figli, dai quali discesero i popoli dei Moabiti e degli Ammoniti. Si, proprio una bella famigliola quella di Abramo, non c'è che dire...


Il Sacrificio della Vergine
A livello energetico la Vergine emana una fonte di energia superiore; è l'apertura del Vaso di Pandora. Una volta aperto questo Vaso/Vagina, la sessualità si manifesta apertamente, e così anche la sua energia che poi troverà modo di esplicarsi ripetutamente e in tanti modi differenti nel corso degli anni. Ma il primo atto, la perdita della verginità in sé, è un atto magico talmente potente che ovviamente l'uomo, il maschio, ha sempre voluto regolamentare, possedere, manipolare. Durante questo atto, inoltre, viene perso del sangue, e il sangue è la firma che "lega" la donna all'uomo, possedendola. E' una manifestazione inconscia del predominio maschile sulla forza creatrice della donna. Con Maria, la vergine madre di Gesù, la religione fa un'ulteriore salto di qualità, è Dio stesso che rivendica la sua verginità e che non dovrà essere toccata da uomo alcuno. Diventa così di proprietà "divina", sancendo un epilogo di controllo che dal divino, passa all'umano, e ritorna al divino, come un eterno ciclo. Il potere inconscio delle immagini... guardate questa rappresentazione, e mentalmente, specie per gli uomini, a cosa può rimandare? Sapendo che poi è anche Vergine, si instaura un legamento tra l'uomo e la fede, modellata sull'immensa energia sessuale e che poi, nella religione, troverà sfogo solo dopo il matrimonio, una volta formatasi la "Sacra Famiglia"...

*
Continua la lettura sul sito

Commenti

Post popolari in questo blog

"La Spiritualità è la più grande Truffa ai Danni dell'Animo Umano" di Federico Bellini

La Spiritualità è la più grande truffa ai danni dell'animo umano. Si, hai letto bene. È il mero tentativo di distoglierci da una vera ricerca totalizzante, facendoci volgere lo sguardo verso un aspetto esotico e mai affrontato delle nostre vite, dove regna la più completa ignoranza, e nella quale, un sacerdote, un guru o un maestro scaltro e furbo (con annesso parassita), ci metterà sempre lo zampino per meglio sfruttarvi e strizzarvi come un’oliva al frantoio, così da trarre da voi tutta la vostra migliore quintessenza e che potrete costantemente produrre.


La vera Spiritualità è l'Esperienza, nient'altro.

E quando le persone mi chiedono cosa dovrebbero fare per iniziare un "percorso spirituale" dico loro semplicemente di masturbarsi, perché se la Spiritualità è la Masturbazione dello Spirito, farlo davvero, fisicamente, vi condurrà a trovare nient'altro che un vostro sincero giovamento. Quando lo schifo, il disgusto, o lo scherno, appare sulla faccia di alcune…

"Franco Battiato: mi sono Reincarnato e ricordo le mie Vite Passate"

Da dove nasce l’esigenza di realizzare un film sulla morte? E’ un tema al quale mi dedico oramai da molto tempo, da quando nel 1979 ho cominciato a interessarmi alla spiritualità e alla meditazione. Con la meditazione ho imparato che chiudendo gli occhi ed escludendo tutto il mondo esterno si inizia a vedere sul serio, a vivere sul serio. Ho potuto approfondire la concezione buddista della morte in un mio viaggio a Kathmandu, dove ho avuto la fortuna di poter a lungo dialogare con il Lama Kanghser, Lama Monlam e il Lama Geshe Jampa Gelek. Il mio documentario è il risultato delle loro riflessioni e del loro credo, dell’illuminazione e del “nirvana”, inteso come fine ultimo della vita e cioè cessazione del dolore. Le loro riflessioni sono poi messe a confronto con quelle del teologo Guidalberto Bormolini che ci ricorda come anche san Francesco definiva la morte “sorella” e che san Carlo Borromeo si fosse fatto dipingere una tela in cui la morte veniva rappresentata non con la tradizional…

"Ci siamo lasciati vessare, offendere, picchiare, torturare, stuprare..." di Federico Bellini

«Allora per la prima volta ci siamo accorti che la nostra lingua manca di parole per esprimere questa offesa, la demolizione di un uomo. In un attimo, con intuizione quasi profetica, la realtà ci si è rivelata: siamo arrivati al fondo. Più giù di così non si può andare: condizione umana più misera non c'è, e non è pensabile. Nulla più è nostro: ci hanno tolto gli abiti, le scarpe, anche i capelli; se parleremo, non ci ascolteranno, e se ci ascoltassero, non ci capirebbero. Ci toglieranno anche il nome: e se vorremo conservarlo, dovremo trovare in noi la forza di farlo, di fare sì che dietro al nome, qualcosa ancora di noi, di noi quali eravamo, rimanga.» (“Se questo è un uomo” di Primo Levi)
Così Primo Levi spiegava la sua condizione di deportato e prigioniero all’interno del Campo di Concentramento Nazista di Auschwitz, nella Polonia meridionale, in quella sua spietata e lucida descrizione scritta in un libro che tutti dovrebbero leggere, specie se vogliamo arrivare a comprendere …

"Rapimenti Alieni: il punto della situazione" di Federico Bellini

Rapimenti Alieni. Due parole innocue quanto sconvolgenti, perché racchiudono tutta la drammaticità di un fenomeno che nel corso di questi ultimi vent’anni, specie in Italia, ha raggiunto esiti fuori dal comune per poi recentemente cadere nel dimenticatoio, non senza aver dato vita ad alcuni contesti ai limiti del grottesco e dell’assurdo. Con questo articolo cercherò di fare un’analisi approfondita sul buono e il cattivo tempo nella ricerca internazionale legata a questo fenomeno, il quale ha ancora molto da dare per comprendere esaustivamente la nostra posizione su questo pianeta e nell’Universo. Parlare o scrivere di Abductions (termine preferito all’estero) è sempre un’impresa assai ardua, perché ogni volta si vanno ad intaccare certezze inossidabili, scuole di pensiero, dogmi, nonché una serie pressoché illimitata di luoghi comuni, scaturiti dalla fantasia non solo dei ricercatori che operano nel settore, ma soprattutto dai tanti seguaci di questi personaggi. È fuori ombra di dubb…