Passa ai contenuti principali

"Cosa ne pensi della Meditazione?" di Federico Bellini

"Cosa ne pensi della Meditazione?" di Federico Bellini
Quando in conferenza mi chiedono cosa ne penso della Meditazione, e spiego che dovrebbe essere uno stato cosciente e quotidiano dell'essere, come un qualcosa di spontaneo e naturale da praticare, e che invece, decidere di farla ogni giorno, ad un determinato orario, come un'imposizione, magari seduti in una certa posizione all'interno di un ambiente protetto e silenzioso, non serve a nulla, le persone che ho di fronte fanno di quelle smorfie tali che da lì, ti rendi conto in un istante che tutta la loro esperienza meditativa non è servita a nulla, specie se poi, nel mentre insisto su questo punto, alla fine sbottano e si incazzano pure contro il sottoscritto. Ebbene, sappiate che tale reazione non fa altro che avvalorare la mia tesi, dato che se tutte quelle meditazioni avessero sortito gli effetti sperati, avreste reagito alle mie dichiarazioni con un atteggiamento diverso e più costruttivo. La Meditazione non è apparenza, ma uno stato dell'essere, non è un regola imposta in stile monastico, ma un fatto spontaneo, quasi anarchico, che segue le nostre necessità fisiche e spirituali più intime e del momento. Le mode new age sono una cosa, un cammino veramente spirituale è invece ben altra cosa... Lo dico sempre, che di galline che meditano ce ne sono a milioni nel mondo, ma ognuna preferisce continuare a fare la gallina senza mai raggiungere l'illuminazione. Vedete, tutto serve, anche passare da una certa "regolarità", ma non deve diventare la norma, la routine, perché a quel punto diventa un circolo vizioso e non è più una meditazione. La meditazione è un avventura, non una nuova imposizione, una nuova regola, e a volte essere imprevedibili e creativi, ci permette di poterci osservare in maniera sempre nuova e diversa. Conosco, inoltre, molte persone che meditano per ottenere dei risultati nella vita materiale, come l'amore, il lavoro, il denaro, una nuova macchina... ma a quel punto non è meditazione, bensì divinazione.

"Allora, Federico, come si arriva a fare della meditazione uno stato dell'essere?"
Proprio nello stesso modo in cui bevi un bicchiere d'acqua. Bevi quando ne hai necessità, non perché hai degli orari da seguire. Perché è inutile fare Yoga per migliorare la tua vita se poi diventi schiavo dello Yoga, e penso, piuttosto che le persone, a volte trovano sia insegnanti non idonei, ma quasi sempre, cercano un qualcosa che gli tappi un buco emotivo da colmare... ed è li che nasce la loro schiavitù!

Commenti

  1. Ciao Federico. Sono assolutamente d'accordo con te. A che serve fare meditazione per 30 minuti ogni giorno, sviluppando la capacità di vivere nel qui e ora, se poi si "dorme" psicologicamente per le restanti 23 ore e mezzo ? La vera sfida è rimanere "svegli" 24 ore su 24!!! Io entro ed esco dall'evento "meditazione"(per alcuni significa stare seduti ad occhi chiusi nella posizione del loto, per un tempo variabile, ma a me basta anche una sedia comoda) con la stessa identica attenzione consapevole che scandisce ogni attimo della mia vita. Complimenti per il tuo lavoro e i tuoi libri, e in bocca al lupo :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

"Il Dio Pan-Alieno di Godfrey Higgins" di Federico Bellini

Godfrey Higgins (1772-1833) è stato un magistrato inglese e proprietario terriero, stimato sostenitore della riforma sociale, storico ed antiquario. In certi ambienti esoterici è però conosciuto per i suoi scritti riguardanti i miti antichi, in particolare spicca un suo libro tra tutti, Anacalypsis, pubblicato postumo e in cui afferma dell’esistenza di una comunanza tra i vari miti religiosi della Terra, e a cui fa risalire un’origine comune su di una presunta religione o filosofia perduta di derivazione atlantidea. Dal poco che sappiamo della sua vita, risulta che fosse figlio di Godfrey Higgins di Skellow Grange, vicino a Doncaster, venne educato a Hemsworth prima di essere poi ammesso all’Emmanuel College di Cambridge nel 1790, per poi trasferirsi alla Trinity Hall nel 1791. In seguito, studiò legge all’Inner Temple ma non ottenne la licenza di esercitare la legge e si astenne dall’esercizio della professione. Quando poi Napoleone minacciò l’invasione del Regno Unito, si unì al Cor…

Le Consulenze di Federico Bellini, prenota una sessione!

Federico Bellini tiene Consulenze via Skype, di cui si ricorda la natura intensiva del lavoro svolto, e dove verranno forniti tutta una serie di strumenti per conoscere sé stessi, esercizi da svolgere a casa e nel quotidiano. Ad ogni appuntamento, pertanto, sarà come vivere all’interno di un vero e proprio viaggio sciamanico che ci condurrà alla comprensione tangibile dell’illusione, notoriamente chiamata Matrix, arrivando, così, non solo a toccarla con mano ma a vederla all’opera e superarla. La prima consulenza è gratuita. Sarà conoscitiva e permetterà di valutare se proseguire con altri consulti, i quali, se necessari, saranno concordati direttamente con la persona interessata.
Dal martedì al Venerdì, in orario 15:00 - 19:00 Su richiesta anche 21:00 - 23:00
Per prenotare è possibile scrivere al contatto WhatsApp 333 1773995 (no chiamate), oppure all'email: risvegliocomune@gmail.com

"Il Concertone dell'Illusione" di Federico Bellini

. Ogni anno, a Roma, per festeggiare il 1 maggio, i tre sindacati italiani organizzano il famoso "Concertone". Ora, non è per fare sempre polemica, ma viene naturale domandarsi a chi giova mettere in campo un simile evento. I cantanti che ogni anno si avvicendano sono dei 'privati' che si fanno una grande pubblicità, e spesso la qualità delle loro esibizioni dal vivo lascia alquanto a desiderare, essendo per lo più anche "stonati" (in tutti i sensi, non solo vocali), inoltre, sia per Roma come per tutta l'organizzazione messa in campo, vengono spesi dai 300.000 al milione di euro per dare vita a questo evento; ovviamente sono quasi tutti soldi pubblici! La cosa più buffa è che questi "grandi" sindacati vogliono festeggiare il "Lavoro", nel mentre chiedono ai politici di risolvere il problema della povertà e della disoccupazione. Ora, se almeno per un solo anno, quel "Concertone" non venisse organizzato, magari diventando un …

"Finché Matrix esiste..." di Federico Bellini

La prima volta che vidi alla televisione il film Matrix ero un giovane dall’aspetto carino, sbarbatello e coi capelli lunghissimi, di belle speranze e che studiava Composizione al Conservatorio Cherubini di Firenze. All’epoca seguivo i corsi di insigni maestri della Musica ed ero considerato tra i più bravi allievi, non solo di questo prestigioso istituto musicale, ma si diceva, di tutti gli altri istituti italiani. Lo stesso mio insegnante di Armonia e Contrappunto, o quello di Storia della Musica (che per inciso sono dei giganti della Musica Colta a livello internazionale), sostenevano che un allievo delle mie capacità non era più apparso nelle aule dei conservatori italiani da almeno 40 anni. Ricordo che all’epoca, i conservatori, erano ancora gestiti con le vecchie norme scolastiche e i voti venivano dati con il sistema decimale, capirete che coloro che prendevano 8, 9 o 10, il massimo dei voti, venivano non solo considerati dei geni, ma persino esentati dal pagare le tasse annual…